fbpx

NEW CREATION BLOG

 

Più consumi pornografia e più diventi solo. Come la pornografia danneggia le tue relazioni. 

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Gmail
La pornografia offre una soddisfazione immediata e anche una facile e falsa intimità, ma alla fine priva sia della vera soddisfazione sessuale ma anche della vera intimità. 

Difatti la pornografia promette un mondo virtuale pieno di sesso, con fantasie che non sono reali. Ma in verità sono solo una menzogna, e una persona che entra in quel mondo fantastico, è probabile che nella sua realtà e anche nella sua vita sessuale diventerà esattamente l’opposto di quello che ha visto o che desidera.

Perché più una persona guarderà pornografia e più tenderà a ritirarsi emotivamente dalle relazioni reali, sia per un senso di chiusura e vergogna ma anche perché la pornografia riduce la soddisfazione relazionale, nutrendo l’isolamento interiore e la solitudine, coltivando la segretezza,, la mancanza d’intimità, e portando anche alla depressione e alla mancanza di stima di se stessi.

Se ci pensi una persona che guarda pornografia è come dire che anestetizza, medica i suoi dolori interiori, o suoi problemi relazionali di coppia, e poi ne diventa anche dipendente. 

E in realtà per una persona che è dipendente dalla pornografia, con il tempo gli sarà più difficile diventare eccitato facendo sesso con una persona reale o creando anche una relazione seria,  questo perché il cervello cercherà di ricollegare l’eccitazione sessuale con le fantasie del porno rendendo più difficile il coinvolgimento e una vera eccitazione con una persona reale. inoltre rimodella anche le aspettative del sesso donatole un’immagine non realistica. 

Se ci pensi, la pornografia rilascia  un immagine della donna non realistica, sia a livello fisico ma anche connesso alle prestazioni sessuali. Nel porno le donne sembrano sempre felici di fare tutto ciò che l’uomo vuole,  anche cose che sono pericolose, dolorose o umilianti.

Ma questa non è la verità, e rilascia una mentalità distorta sia della donna, o anche del maschio per quanto riguarda la pornografia omosessuale,  rilasciando un’immagine distorta della sessualità. 

Inoltre, il consumo della pornografia rende una persone meno soddisfatta dell’aspetto fisico, sia di se stessi o quello del partner,  e la rende meno soddisfatta delle prestazioni sessuali, e anche creando una disconnessione affettiva verso il proprio partner.

Studi dimostrano che la maggior parte delle persone che sono dei consumatori di pornografia, che sono dipendenti,  hanno problemi d’ansia, o d’immagine corporea, scarsa stima di se stessi, problemi relazionali, problemi d’insicurezza e depressione.  

E inoltre a livello sessuale la persona che guarda la pornografia ha completamente il controllo totale dell’esperienza sessuale, donando un aspettava irrealistica del sesso, invece per quando riguarda il sesso col proprio partner, sono le due persone che condividono il controllo.

Quindi la pornografia oltre a danneggiare te sesso danneggia il tuo partner, difatti studi dimostrano che chi consuma pornografia diventa più critico del proprio partner e meno soddisfatto a livello romantico e sessuale, influenzando anche il modo di come vede se stesso e sembra quasi che attraverso la pornografia il significato e la parola sesso perdono completamente valore diventando facile, economico e veloce.

Inoltre crea danni fisici come la disfunzione erettile per gli uomini e questo è un grande problema al giorno d’oggi per molti ragazzi, uomini di 35/40 anni, e questo non è un problema del pene ma è un problema che viene dal cervello.
Trenta anni fa, la disfunzione erettile era quasi sempre connessa alla vecchiaia e non esistevano casi di disfunzione erettile per uomini giovani meno di 40 anni, invece oggi purtroppo ci sono moltissimi uomini con questo problema e anche con problemi di eccitazione, di attrazione e problemi di prestazioni sessuale. 

Concludendo, la vera intimità è un dono, ed è un apertura all’altro e riguarda anche quello che noi doniamo e non solo quello che otteniamo.

Ricordati se sei dipendente e schiavo della pornografia, più guarderai pornografia e più ti sentirai e diverrai solo.

E ti invito a chiedere aiuto a qualcuno, inizia un cammino di guarigione e liberazione e non lasciare che la paura e la vergognano blocchino il tuo cammino di vera libertà. 

 

Altri Articoli 

 

You cannot copy content of this page
Share This